fbpx

Rundell & Bridge era un’azienda londinese di gioiellieri e orafi formata da Philip Rundell (1746–1827) e John Bridge (1755–1834). Dal 1797 furono insigniti del titolo di orafi e gioiellieri del re e dal 1804, sotto il regno di Giorgio IV, di quello di Principal Royal Goldsmiths & Jewelers, titolo che mantennero fino al 1843.

Quando Edmond Walter Rundell, nipote di Philip Rundell, fu ammesso come socio nel 1804, il nome dell’azienda cambiò in Rundell, Bridge & Rundell. Tra i dipendenti della manifattura si possono menzionare grandi orafi come John Flaxman e Thomas Stothard, che disegnavano e modellavano l’argenteria e dal 1807 la direzione di questa parte di laboratorio fu affidata a Paul Storr.

Fra le commissioni più importanti vi è sicuramente da menzionare il sontuoso piatto da banchetto eseguito per Giorgio IV per il “Grand Service” a Carlton House. Nel fornire questo e altri piatti, nei primi anni del XIX secolo, Rundell suscitò una nuova linea guida per la produzione di argenti: il naturalismo e lo stile revival rococò presero piede anche nelle creazioni delle altre manifatture.

Leggi l’articolo completo sulla settimana di Pandolfini Casa d’Aste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts




Artness è un progetto di Thetis SRL
Ufficio operativo: Via Oliveti, 110 Centro Direzionale Olidor 54100 Massa (MS) Tel. +39 0585 091214 P.IVA 01020100457
Sede commerciale: Via Mengoni, 4 20121 Milano (MI) Tel. +39 02 40741330
E-mail: info@artness.it


Privacy Policy | Cookie Policy