fbpx
Dark Light

Applausi, cori e grandi emozioni per l’arrivo a Daytona Beach della scultura celebrativa della leader dei diritti civili Mary McLeod Bethune realizzata a Pietrasanta dall’artista portoricana Nilda Comas. Mary McLeod Bethune è stata la prima donna e la primo afro-americana in assoluto a rappresentare uno Stato (Florida). L’arrivo del container, con all’interno la scultura, accuratamente imballata, è stato salutata dagli attivisti e studenti Bethune Cookman University, l’università da lei fondata, e dalle emittenti americane che hanno ripercorso il viaggio, dalla progettazione alla realizzazione.

Sono due le sculture realizzate a Pietrasanta: una versione in marmo bianco, presentata in anteprima mondiale lo scorso luglio destinata alla Sala delle Statue (U.S. Capital Statuary Hall) del Campidoglio di Washington D.C., ed una in bronzo che è stata installata a Daytona Beach all’intersezione tra Mary McLeod Bethune Boulevard e Beach Street con il volto rivolto verso la Bethune Cookman University. Le sculture sono state realizzate presso lo Studio Giancarlo Buratti per la creta, il Laboratorio Franco Cervietti per il marmo e la Fonderia Artistica Del Chiaro per il bronzo.

“E’ un momento di grande orgoglio cittadino per cui dobbiamo ringraziare i nostri artigiani, i laboratori e gli artisti che hanno contributo, nel corso della storia, a fare di questa città un punto di riferimento assoluto per la scultura e la lavorazione del marmo, del bronzo e del mosaico. – spiega Alberto Stefano Giovannetti, sindaco di Pietrasanta – Ogni opera realizzata nei nostri laboratori dovrebbe essere celebrata e salutata prima di partire per la sua destinazione con un evento pubblico così come è stato per il gruppo scultore di Eisenhower, che domina l’ingresso dell’omonimo Eisenhower Memorial di Washington, ed altri. Sono pezzi della nostra cultura, della nostra tradizione e dei nostri artigiani che esportiamo nel mondo. Un pezzo di noi. – spiega il primo cittadino, Giovannetti – Un’opera porta con sé un significato, un viaggio ed una storia che merita di essere narrata. È un aspetto su cui dobbiamo tornare a lavorare con maggiore costanza e programmazione”.

L’opera della Comas rappresenta primati e di significati. La scultura che raffigura Mary McLeod Bethune sarà la prima destinata alla sala delle statue realizzata da una scultrice ispanica (la Comas è stata selezionata tra 1.600 artisti) e sarà anche la prima e l’unica a raffigurare uno degli americani che hanno fatto la storia in abito accademico. Sono attualmente quattro i busti e mezzi busti di afro-americani presenti in quella che è stata per 50 anni la Camera dei Rappresentanti ed appartengono a Martin Luther King, Frederick Diuglas, Sojourner Truth e Rosa Parks. “Ho studiato e lavorato tutta la vita per questo momento e per questa opportunità. – ha raccontato la Comas che tutti conoscono come “la Maestra” – La scultura riflette una donna molto dolce e colta”.

La statua di Mary McLeod Bethune realizzata da Nilda Comas. Courtesy Comune Pietrasanta

Mary Jane McLeod Bethune (Mayesville, 10 luglio 1875 – Daytona Beach, 18 maggio 1955) è stata un’educatrice e imprenditrice statunitense, leader per i Diritti Civili. Nota per la creazione di una scuola per studenti afroamericani a Daytona Beach (Florida) – poi divenuta la Bethune-Cookman University – è stata una consulente del presidente Franklin D. Roosevelt. Nata in Carolina del Sud da genitori poveri, già schiavi, ha dovuto lavorare nei campi fin dall’età di cinque anni, dimostrando altresì un precoce interesse per l’apprendimento. Con l’aiuto di benefattori, ha frequentato il College con l’intento di diventare missionaria in Africa.

Non potendo portare avanti questo suo progetto, si è allora prodigata per aprire una scuola per ragazze afroamericane a Daytona Beach, che al suo inizio ha visto solo sei studenti. Si è associata quindi ad un istituto per ragazzi afroamericani, che divenuto poi la Bethune-Cookman School. La qualità della scuola superava di gran lunga gli standard di istruzione per gli studenti afroamericani e rivaleggiava con quelli delle scuole per gli studenti bianchi. Mary Jane McLeod Bethune ha lavorato instancabilmente per garantire il finanziamento della scuola, grazie anche all’aiuto di vari benefattori. È stata Presidente del College dal 1923 al 1942 e dal 1946 al 1947, una delle poche donne al mondo che, a quel tempo, dirigevano un tale istituto. È stata anche attiva in diversi circoli femminili, che grazie a lei acquisirono importanza a livello nazionale. Ha lavorato per l’elezione di Franklin D. Roosevelt nel 1932, per cui in seguito è stata eletta quale membro del Black Cabinet di Roosevelt nel 1936, occupandosi degli interessi delle persone di colore durante la sua amministrazione. Alla sua morte l’editorialista Louis E. Martin disse: “Ha distribuito fede e speranza, come se fossero pillole e lei una sorta di medico”.

La sua casa a Daytona Beach è diventata un National Historic Landmark, mentre quella a Washington è conservata dal National Park Service come un sito storico nazionale. Una scultura che la rappresenta si trova al Lincoln Park di Washington, D.C.

Guarda il video dell’arrivo della statua a Daytona Beach.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Iscriviti alla Newsletter Artness
ISCRIVITI




Related Posts