fbpx

Nuova incursione degli attivisti ecologisti al Louvre. Protagonista dell’atto vandalico è la Gioconda, simbolo dell’arte mondiale per antonomasia, vandalizzata con della zuppa. Nessun danno per l’opera, protetta dal 2005 dal vetro blindato

Nuovo colpo di scena al Museo del Louvre di Parigi: questa mattina, due eco-attiviste di “Riposte Alimentaire“, dopo aver superato i cordoni di protezione, hanno gettato della zuppa sulla Gioconda al Louvre, scatenando il panico tra il pubblico, intento ad ammirare l’opera, e il personale di sicurezza. Fortunatamente, l’opera è rimasta intatta dietro il suo scudo di vetro blindato, ed è stata immediatamente evacuata e ripulita, ma queste gesta fanno certamente riflettere.

Il lancio della zuppa è stato presentato dalle due attiviste del collettivo “Riposte Alimentaire” come “il calcio d’inizio di una campagna di resistenza civile, che porta con sé una richiesta vantaggiosa per tutti. Un’azione audace per porre l’attenzione sulla necessità di un cambiamento verso pratiche alimentari più sane e sostenibili.

Le sfide affrontate dal sistema agricolo francese, accentuate da politiche interne, l’incremento dei prezzi del gasolio e le emergenze climatiche, hanno scatenato una serie di intense proteste nei mesi scorsi, guadagnando ulteriore slancio nelle ultime settimane. Il giorno precedente all’attacco all’opera di Leonardo ha visto i contadini bloccare 400 km di autostrade e strade con i loro trattori, esercitando una pressione significativa e alimentando le aspettative di un imminente intervento governativo.

Preoccupato, il primo ministro francese Gabriel Attal ha destinato 50 milioni di euro alla filiera biologica, raddoppiando il fondo di emergenza per i danni alle colture bretoni causati dall’uragano Ciaran e concesso l’esenzione fiscale sul gasolio non stradale per le macchine agricole. Questi nel tentativo di mitigare le tensioni nel settore agricolo, una situazione che sta crescendo anche in altri Paesi europei, come la Germania. Un tentativo di calmare le acque, anche in previsione dell’apertura imminente del Salone dell’Agricoltura, un evento di grande portata politica che si tiene regolarmente alla fine di febbraio.

Il capolavoro di Leonardo da Vinci, esposto dal 2005 dietro un vetro protettivo blindato, non è nuovo agli attacchi vandalici. Nel maggio del 2022, ad esempio, è stato colpito da una torta alla crema da un attivista, gridando slogan ambientalisti: “Ci sono individui che stanno devastando il nostro pianeta (…) Artisti di tutto il mondo, riflettete sulla Terra. Questo è il motivo per cui l’ho fatto. Pensate al nostro pianeta”.

Per vedere il video dell’incursione delle attiviste di “Riposte Alimentaire” al Museo del Louvre link qui:



Artness
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!

Rimani aggiornato con le tendenze del mercato dell’arte italiano e internazionale

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts




Artness è un progetto di Thetis SRL
Ufficio operativo: Via Oliveti, 110 Centro Direzionale Olidor 54100 Massa (MS) Tel. +39 0585 091214 P.IVA 01020100457
Sede commerciale: Via Mengoni, 4 20121 Milano (MI) Tel. +39 02 40741330
E-mail: info@artness.it


Privacy Policy | Cookie Policy