fbpx

Nella suggestiva cornice del Castello Mackenzie di Genova, Cambi Casa d’Aste presenta la consueta asta dedicata agli Old Masters, un omaggio ai grandi maestri che hanno lasciato un’impronta dal primo Rinascimento fino al primo Novecento. L’appuntamento è fissato per il 30 novembre.

E’ ormai alle porte la consueta asta di Cambi dedicata agli Old Masters, che si terrà giovedì 30 novembre nel Castello Mackenzie di Genova, sede storica della maison. Tra le oltre 106 opere in catalogo, tra i grandi nomi rappresentati in questa vendita troviamo Jan Brueghel il Vecchio e Ubaldo Gandolfi, Mario Nuzzi e Giambattista Tiepolo e della Scuola di Fontainebleau, per citarne alcuni, tutti autori rari a trovarsi in Italia e sul mercato internazionale.

Diversi gli highlights: a partire dal dipinto “Battaglie navali tra Turchi e Cavalieri di Malta” del lucchese Giovanni Domenico Lombardi dello l’Omino (lotto 256, stima 50-60.000 euro), alla tela  “Fuga in Egitto” a firma di Gregorio De Ferrari  (lotto 279, stima 50-60.000 euro) fino a Gaspare Diziani, presente in asta con “Giuseppe venduto a Putifarre” (lotto 287, stima 50-60.000 euro).

Nel catalogo di quest’anno spicca su tutti una “Sacra Famiglia” di Giulio Cesare Procaccini, tra i massimi esponenti della scuola barocca lombarda, le cui opere fanno parte di importanti collezioni italiane e internazionali, dal Castello Sforzesco a Brera, dal Metropolitan Museum di New York all’Ermitage di San Pietroburgo (lotto 239, stima: 50-60.000 euro).

Giovanni Domenico Lombardi dello l’Omino, Battaglie navali tra Turchi e Cavalieri di Malta

Giulio Cesare Procaccini è riconosciuto come uno dei massimi protagonisti della scuola pittorica lombarda del primo XVII secolo. Nato a Bologna e successore, insieme ai fratelli Camillo e Carlo Antonio, degli insegnamenti del padre Ercole, Giulio Cesare si distinse rapidamente assumendo un ruolo di primaria importanza nell’ambito dell’arte contemporanea. Con il suo linguaggio innovativo, si impose come uno dei principali maestri del Barocco in Lombardia e oltre.

Infatti, la sua attività si estese a diverse città del nord Italia, tra cui Milano, Torino, Piacenza, Parma, Cremona e Modena, concentrandosi in particolare a Genova. Qui, dal 1611 al 1622, Giulio Cesare Procaccini risiedette e collaborò con Giovanni Carlo Doria, un influente mecenate che gli commissionò oltre novanta opere.

Durante il suo soggiorno nella città ligure, le commissioni significative, sia pubbliche che private, tra cui l’indimenticabile Ultima Cena realizzata per ornare la controfacciata della chiesa della Santissima Annunziata del Vastato, contribuirono in modo rilevante a definire la scuola barocca genovese nascente. Insieme ad altri eminenti artisti come Rubens e Van Dyck, Giulio Cesare Procaccini influenzò profondamente questa scuola artistica e ne stabilì i canoni di riferimento per le generazioni a venire.



Artness
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!

Rimani aggiornato con le tendenze del mercato dell’arte italiano e internazionale

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts




Artness è un progetto di Thetis SRL
Ufficio operativo: Via Oliveti, 110 Centro Direzionale Olidor 54100 Massa (MS) Tel. +39 0585 091214 P.IVA 01020100457
Sede commerciale: Via Mengoni, 4 20121 Milano (MI) Tel. +39 02 40741330
E-mail: info@artness.it


Privacy Policy | Cookie Policy